Governo, Maria Chiara Carrozza è il nuovo ministro dell’Istruzione

governo_letta_carrozzaMaria Chiara Carrozza è il nuovo Ministro dell’ Istruzione, dell’Università e della Ricerca, scelta dal presidente del Consiglio Enrico Letta.

Sul tema asili nido la neo ministra ha così dichiarato: «E’ fondamentale cominciare l’investimento fin dai più piccoli (0-6 anni): è urgente varare un nuovo piano per raggiungere l’obiettivo del 33% di copertura dei posti all’asilo nido come chiesto dall’Europa e garantire a tutti un posto nella scuola dell’infanzia.»

Parlamentare del Partito Democratico, ex rettrice della Scuola Sant’Anna di Pisa, è nata a Pisa nel 1965,  ha due figli, ed è stata direttore dal 2007 della Scuola superiore Sant’Anna (dove, giusto per sottolineare le origini comuni pisane ha studiato anche il premier Enrico Letta).

La prima dichiarazione del neoministro ha sottolineato la centralità del ruolo dell’istruzione per il presente e il futuro del Paese: «Il ministero dell’Istruzione, della ricerca e dell’università deve svolgere un ruolo fondamentale nel far ripartire le speranze del Paese, con spirito di servizio metto a disposizione la mia esperienza per convincere gli italiani che l’istruzione e la conoscenza sono pedine fondamentali per la ripresa culturale ed economica dell’Italia. Dobbiamo aiutare i più meritevoli a studiare secondo i dettami della Costituzione, dare fiducia ai ricercatori e offrire nuove motivazioni a tutto il corpo insegnante. Dobbiamo dare forza e prospettive alle imprese, costruendo un Paese che individui grandi aree di investimento, di ricerca, di innovazione nell’industria, nell’agricoltura e nei servizi». Senza dimenticare di sottolineare che «investire nella conoscenza significa investire sul futuro, nell’unica risorsa che non si può spostare altrove per essere prodotta a costi più bassi: è un settore che crea e salva posti di lavoro e questa è la nostra massima preoccupazione».

Il ministro ha rivestito e riveste incarichi di responsabilità scientifica e di coordinamento in numerosi progetti di ricerca europei. E’ autrice di numerosi lavori scientifici e di 15 brevetti nazionali ed internazionali ed è membro delle più prestigiose società scientifiche internazionali specializzate in robotica.

In una lunga intervista al blog Huffington Post, diretto da Lucia Annunziata, la visione e gli interventi secondo il prossimo Ministro Maria Chiara Carrozza.

Aumentare gli investimenti nella scuola

Obiettivo, secondo Carrozza sarebbe di portare gli investimenti al 6% del PIL, il livello medio dei Paesi OCSE. Questi i campi necessari di investimento: 33% di copertura dei posti all’asilo nido, tempo pieno e modulo a 30 ore con le compresenze, per le medie reclutare una leva di insegnanti specializzati per preadolescenza e adolescenza, e allungare il “tempo scuola” (scuole aperte anche al pomeriggio con sport, tecnologia, studio in gruppo, laboratori, classe aperte ecc), per le superiori biennio unitario, così che la scelta a quale scuola iscriversi non sia fatta in terza media, troppo presto, ma maturi dopo i primi due anni della secondaria, creazione di Poli per l’Istruzione Tecnica Superiore che tengano insieme l’istruzione tecnica/professionale e la formazione professionale (sistema integrato), le imprese, l’università e il mondo della ricerca.

Un Commento a: “Governo, Maria Chiara Carrozza è il nuovo ministro dell’Istruzione”

  1. Crescere Insieme

    29/04/2013

    Che cosa dovrebbe fare la ministra per i bambini in età prescolare? Aspettiamo i vostri commenti

    Rispondi a questo commento

Scrivi un Commento

*