Febbre in estate: non capita così raramente…

Si tratta di un’eventualità meno frequente che in inverno ma comunque possibile, dovuta di solito o ad un colpo di sole o a un virus: ecco come intervenire

 febbre_2

La febbre in estate compare nei bambini all’improvviso, con picchi di 39° di temperatura e spesso colpisce i più piccoli perché più delicati. Le cause che scatenano questo disturbo sono principalmente due: il clima e i virus. Scopriamo come comportarci e quali sono i rimedi naturali più utili in questi casi.

La febbre “climatica”

Si manifesta come conseguenza in seguito a insolazioni o colpi di calore ed è legata a una lunga e a volte poco prudente esposizione diretta dei bimbi al sole o quando questi soggiornano in ambienti chiusi e surriscaldati, per esempio in automobile. I bambini piccoli e i neonati sono più a rischio poiché non sono in grado di provvedere da soli a prendere le opportune precauzioni, come tornare all’ombra, bere, rinfrescarsi, e si disidratano più facilmente. In questi casi la febbre, mai troppo alta, è dovuta alla disidratazione ed è accompagnata da altri segnali.

Cosa fare

- Per prima cosa, bisogna portare subito il bimbo in un luogo ombroso, ventilato e fresco.

- Se la temperatura corporea è alta, si possono applicare spugnature o impacchi di acqua a temperatura ambiente (non fredda) su tempie, collo, inguine, ascelle: questo aiuta a disperdere il calore corporeo.

-Somministrargli liquidi a temperatura ambiente (né caldi né troppo freddi) arricchiti con

sali e zucchero (acqua o tè con limone e zuccheri, succhi ecc.).

Cosa non fare

Non somministrare subito farmaci antipiretici, soprattutto se la temperatura non è alta (cioè se non supera i 38-38,5°). Questo intervento ridurrebbe la capacità difensiva dell’organismo e lo stato di malessere si trascinerebbe più a lungo nel tempo. Inoltre, se la febbre è dovuta a disidratazione, l’antipiretico, provocando una maggiore sudorazione, rischia di aggravare il quadro.

Come “schivarle”

- Evitare l’esposizione al sole nelle ore centrali della giornata (ore 11-16). Evitarla, comunque e sempre, ai bambini piccoli e neonati.

- Assumere frequentemente liquidi, preferibilmente acqua naturale, non fredda.

- Fare sempre indossare un cappellino per proteggere bene  la testa.


Crescere Insieme Esperia srl, società leader nel panorama nazionale nella gestione di asili nido e dei servizi all’infanzia: una storia fatta di obiettivi. Sito Web

Scrivi un Commento

*